27. November 2020

Autorità iraniane Greenlight Power Plants Mining Bitcoin

Secondo le autorità iraniane, le centrali elettriche possono estrarre le valute crittografiche come la Bitcoin, ma non potranno usufruire dei sussidi.

L’Iran ha annunciato che ora permetterà alle centrali elettriche su scala industriale del Paese di operare come minatori Bitcoin – a condizione che non utilizzino combustibile sovvenzionato.

In una dichiarazione all’Agenzia di Notizie della Repubblica Islamica (IRNA) del 27 luglio, Mostafa Rajabi Mashhadi, un vice direttore generale di Tavanir, la Power Generation, Transmission and Distribution Management Company dell’Iran, ha detto che le centrali elettriche del Paese potrebbero operare come miniere Immediate Edge„se rispettano le tariffe approvate“ e hanno le necessarie licenze.

Mashhadi ha detto che qualsiasi centrale elettrica che consideri una tale impresa non potrebbe utilizzare combustibile sovvenzionato per l’estrazione di cripto-miniere.

„Ora siamo in una situazione in cui la fornitura di energia elettrica è di grande importanza per il pubblico“, ha detto il portavoce dell’energia. „Non permetteremo a nessuno di abusare delle tariffe previste per i settori agricolo e industriale per produrre Bitcoin mentre vale più di 9.000 dollari“.

Tutto sul potere

Il Cointelegraph ha riferito a gennaio che il Ministero dell’Industria, delle Miniere e del Commercio iraniano ha rilasciato 1.000 licenze per l’estrazione di cripto-minerali da quando il governo l’ha autorizzata come attività industriale approvata nel luglio 2019.

Secondo l’IRNA, un portavoce dell’industria elettrica ha dichiarato che 14 minatori criptoelettrici in Iran hanno richiesto più di 300 megawatt (MW) di potenza – equivalente all’utilizzo in tre province del Paese.

Lo schema tariffario per i minatori criptoelettrici in Iran dipende da fattori di mercato come i prezzi del carburante in Medio Oriente. L’estrazione mineraria richiede molta energia, ma l’elettricità del Paese è molto economica rispetto al resto del mondo. Mashhadi ha stimato nel 2019 che la produzione di un singolo Bitcoin utilizzerebbe solo circa 1.400 dollari di sussidi statali.

Le persone che espongono le compagnie minerarie che operano illegalmente in Iran ricevono anche una taglia fino a 100 milioni di Rials, ovvero 2.375 dollari.